EL DIOS DE ABRAHAM, DE ISACC E DE JACOB

DE AVRAM A AVRAHAM.
FRANCISCO MELE

“En la Biblia el padre es “aquel que sabe partir”. Taré, padre deAbraham, deja la Ciudad de Ur en Caldea y se dirige a Canaán para establecerse en la Ciudad de Harán.

Abraham se contrapone a su padre Taré, adorador de varios dioses,
distruyendo a martillazos los ídolos y marchándose al desierto,
caminando muchísimo, siguiendo y confiando en la Palabra de Aquel que
le indica el camino a seguir.

Si interpretamos metaforicamente este pasaje lo podemos atribuir al
ser humano en general: el hombre es un proyecto. Aventurarse en el
desierto significa seguir una palabra y una promesa. Continua a leggere

Share on Facebook

CRISI-ECONOMICA-LO PSICOANALISTA
NELLE-AZIENDE-PORTA-A-FRAGILITA-E-CROLLI-EMOTIVI

Archivio > AdnAgenzia > 2009 > 05 > 22 > Cronaca > 165344

MELE, ”SUICIDI SONO L’EFFETTO CONCRETO DELLA PERCEZIONE INIZIALE DELLA CRISI”
Roma, 22 mag. – (Adnkronos) – Suicidi da parte di imprenditori, dipendenti e operai sono l’effetto concreto della crisi economica, la cui percezione iniziale ora mostra ‘risultati tragicamente reali’. E’ Francisco Mele, psicoanalista e criminologo, a sottolineare all’ADNKRONOS questo aspetto grave e rilevante della crisi economica, ricordando che gia’ nell’ottobre scorso aveva accennato al fatto che la crisi avrebbe portato ad un aumento della violenza: sia in famiglia, con l’uccisione di mogli e figli, sia tra imprenditori o manager a seguito del crollo delle borse o del fallimento delle proprie attivita’, e anche tra operai e dipendenti di aziende costretti in cassa integrazione o licenziati.
“Quella che era una percezione astratta della crisi economica – spiega Mele – ora e’ realta’: la si tocca con mano, ed in particolare nelle piccole aziende i cui proprietari si sentono responsabili in prima persona e considerano l’azienda e i propri dipendenti in modo analogo ad una famiglia in cui tutti collaborano per il bene comune. E’ un rapporto particolare, che coinvolge la persona – continua lo psicoanalista – Continua a leggere

Share on Facebook